Osservatorio Casa Roma

Reloaded

Osservatorio Casa Roma è un progetto indipendente nato nel 2017 per fornire dati, analisi e proposte sui temi della casa, del disagio nelle periferie e degli interventi di rigenerazione urbana. In un contesto di carenza di dati pubblici e scarsità di informazioni su questi temi – dovuti anche alla mancata istituzione di un Osservatorio sulla Condizione Abitativa previsto per legge – il progetto è diventato rapidamente un punto di riferimento fondamentale a supporto di istituzioni, sindacati, associazioni e media.

Con Osservatorio Casa Roma reloaded la Fondazione Paolo Bulgari intende potenziare e rilanciare questo prezioso strumento, ideato e gestito da Enrico Puccini.

Primo obiettivo dell’iniziativa è aumentare la disponibilità di dati e analisi, attraverso la creazione e la pubblicazione di data-set open-source interrogabili dall’utente, in grado di fornire informazioni dinamiche e personalizzate, per garantire un ulteriore supporto a istituzioni, sindacati, associazioni, studiosi e cittadini, anche nell’ottica di favorire la partecipazione. La creazione di nuovi data-set mira a superare sia le difficoltà di reperimento e di consultazione dei database istituzionali, che il loro attuale stato di frammentazione per competenze amministrative – ministero, regione, comune, municipi – e per temi – lavoro, casa e sociale –, oltre che per le diverse metodologie di classificazione dei dati. L’integrazione dei dati consentirebbe infatti una lettura unitaria delle criticità di Roma. Inoltre il progetto mira a restringere i parametri di definizione degli ambiti territoriali, rispetto alle attuali suddivisione amministrative del territorio in municipi e zone urbanistiche – inadeguate per estensione a rappresentare la reale condizione socio-economica dei quartieri. Questo consentirebbe un livello di approfondimento maggiore del disagio abitativo e socio-economico romano, per all’elaborazione di proposte puntuali e articolate in merito.

Grazie all’incrocio dei dati statistici con una conoscenza territoriale le ricerche sin qui svolte hanno individuato le aree urbane di maggiore criticità a Roma, ovvero quelle con una notevole concentrazione di alloggi pubblici (edilizia residenziale pubblica). Ma la legislazione italiana non individua una definizione chiara e univoca del disagio socio-economico, né una metodologia in grado di identificare le aree su cui concentrare prioritariamente gli interventi di rigenerazione urbana. Scopo del progetto è allora anche quello di definire una metodologia in grado di delineare i perimetri delle aree urbane secondo una scala di criticità. Infine, anche con riferimento a legislazioni e pratiche messe in atto sia sul territorio nazionale che in tutta Europa, il progetto vuole elaborare una serie di proposte in grado di disarticolare il disagio socio-economico nelle periferie di Roma.

Enrico Puccini, architetto

Una volta concluso il dottorato europeo in Architettura e costruzioneSpazio e Società – svolto sull’edilizia sociale in Europa, si è dedicato ad attività di ricerca e didattica presso la Facoltà di Architettura, La Sapienza. Ha collaborato in veste di redattore a diverse ricerche tra cui il PRIN “Riqualificazione del patrimonio IACP dell’Italia centro-meridionale”, il progetto Urbact II – Hopus, e  diversi progetti con Roma Capitale.  È stato responsabile tecnico per le Politiche Abitative di Roma Capitale durante la prima Giunta Marino ed in seguito ha collaborato con Sindacati e Associazioni sul tema della casa. Dal 2017 gestisce l’Osservatorio Casa Roma.