ANTICORPI

Un programma per Roma

“Anticorpi: sostanze di natura proteica che si sviluppano nel corso di una risposta immunitaria e che difendono l’organismo da agenti estranei. La prima caratteristica che li rende importanti è la specificità con cui riconoscono l’antigene”.

Città smisurata, grande 10 volte Milano, Roma presenta profonde disuguaglianze interne che, a volte, finiscono per creare cittadini di serie A e di serie B fin dai blocchi di partenza della vita. Divari approfonditi dalla storica disattenzione nei confronti delle ‘periferie’ e, sul versante formativo, dall’assenza di un dispositivo nazionale volto a sostenere la sfida educativa delle scuole di ‘frontiera’. Divari destinati ad accentuarsi nei prossimi mesi e anni in seguito alla grave crisi economica e sociale provocata dalla pandemia Covid19.

Il programma di iniziative promosso dalla Fondazione Paolo Bulgari a Roma a partire dal 2020, intende fornire un contributo alla costruzione di una città più equa facendo leva sugli anticorpi della comunità educante: insieme alle scuole, una schiera di realtà di diversa natura – associazioni culturali e ricreative, comitati, enti di volontariato, realtà socio-educative, centri sociali, scuole popolari, eccetera – che spesso costituiscono un punto di riferimento essenziale nei territori più sensibili. Come le difese immunitarie proteggono l’uomo dagli agenti patogeni, così gli anticorpi rilasciati dagli interventi socio-educativi difendono l’organismo sociale dal virus delle diseguaglianze e delle povertà, attraverso il principio attivo della conoscenza, della solidarietà e della coesione sociale.

Anticorpi si sostanzia in un programma di interventi, interdisciplinari e partecipati, volti ad alimentare e rafforzare le risorse e le pratiche già attive in alcuni quartieri della Capitale, e di ricerche volte ad approfondire la conoscenza dei bisogni e delle opportunità della comunità educante nei territori più fragili.

TORNASOLE

DAL DISTANZIAMENTO NASCE UNA NUOVA ALLEANZA EDUCATIVA A ROMA EST

Cinque realtà attive da anni sul versante educativo in tre municipi del quadrante est di Roma; quattordici scuole alle prese con contesti difficili; un’agenzia specializzata nel contrasto alla dispersione scolastica: promosso dalla Fondazione Paolo Bulgari a giugno 2020 subito dopo il primo lockdown per mitigare gli effetti dell’emergenza Covid, nel 2021 il progetto Tornasole diventa un cantiere articolato e stabile di innovazione pedagogica, della durata di quattro anni, grazie al cofinanziamento dell’impresa sociale Con i bambini.

Scopri di più

CRESCO

UN CANTIERE DI RIGENERAZIONE EDUCATIVA A TOR BELLA MONACA

Il programma CRESCO (Cantiere di Rigenerazione Educativa: Scuola, Cultura, Occupazione) è volto alla attivazione, valorizzazione e rafforzamento della comunità educante del quartiere di Tor Bella Monaca attraverso l’impegno congiunto su tre assi: Scuola, Cultura, Occupazione.

Promosso dalla Fondazione Paolo Bulgari in collaborazione con il Municipio VI, il Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale de La Sapienza DICEA, Gli Istituti Comprensivi Acquaroni e Melissa Bassi, e l’Associazione culturale Cubo Libro, CRESCO adotta un approccio multidisciplinare.

Scopri di più

EMERGENZA COVID-19

BELLA CHAT :  SOSTEGNO PSICOLOGICO ONLINE

Lo sportello di sostegno psicologico on line “Bella Chat”  per gli adolescenti in difficoltà e per i loro genitori, promosso e sostenuto dalla Fondazione Paolo Bulgari su richiesta del VI Municipio di Roma Capitale,  realizzato dal team di psicologi dell’Associazione Esplosivamente Onlus è ai blocchi di partenza: il servizio sarà aperto al pubblico da lunedì 25 maggio. Attraverso i canali social dell’Associazione Esplosivamente (sito, pagina facebook e  instagram) si potrà accedere allo spazio dedicato “Bella Chat” ed ottenere informazioni puntuali sulle modalità di accesso e fruizione.

Scopri di più

#VORREI…MANONPOSSO :  AL FIANCO DI CARITAS E DI CHI NON HA CASA

“In questo momento di emergenza sanitaria nazionale, legata al virus Covid-19, non possiamo lasciare sole le persone più fragili e vulnerabili, quelle che tutto l’anno sono esposte al contagio dell’emarginazione e dell’indifferenza, anche se ciò richiede uno sforzo considerevole da parte di tutti noi. Rispettare il decreto #iorestoacasa, per fronteggiare e contenere l’emergenza coronavirus, non è possibile per chi una casa non ce l’ha, per questo abbiamo lanciato l’appello #vorrei…manonposso.

Scopri di più