CRESCO è il Cantiere di Rigenerazione Educativa, Scuola, Cultura, Occupazione  per il quartiere di Tor Bella Monaca. Il progetto promuove il recupero della piazza, Largo Mengaroni, con il potenziamento dello spazio di aggregazione socio-educativa Cubo Libro e la creazione di nuovi “punti di incontro” con la cultura aperti al territorio, e la riqualificazione in chiave educativa del giardino dell’Istituto Comprensivo Melissa Bassi in via dell’Archeologia. CRESCO prevede inoltre l’avvio di un processo di acquisizione di competenze, strumenti e conoscenze spendibili in ambito lavorativo-occupazionale da parte dei giovani di Tor Bella Monaca.

Data inizio progetto: Febbraio 2020

Durata del progetto: 3 anni

Promosso dalla Fondazione Paolo Bulgari in collaborazione con il Municipio VI, il Laboratorio di Studi Urbani del Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale DICEA de La Sapienza, l’ Istituto Comprensivo Melissa Bassi e l’Associazione culturale Cubo Libro, CRESCO adotta un approccio multidisciplinare in cui i diversi attori condividono strumenti e metodologie nel rispetto delle peculiarità di ciascuno. Particolare attenzione è posta all’ascolto degli abitanti, non ‘solo’ destinatari di servizi, ma protagonisti delle iniziative programmate e attivate, in un’ottica di riappropriazione positiva del quartiere, del suo buon uso e della sua cura.

Le tre linee d’azione in cui si articola CRESCO

  1. La Piazza
    L’intervento mira a riqualificare Largo Ferruccio Mengaroni, spazio pubblico di Tor Bella Monaca che ospita molteplici usi e attività (sociali, culturali, ricreative) messe in atto dagli abitanti e delle loro associazioni, rendendolo più accogliente per chi già lo vive e incentivandone la fruizione piena e positiva da parte di chi risiede nel quartiere e non solo.
  2. La Scuola
    Il progetto prevede la riorganizzazione complessiva dell’area verde esterna dell’Istituto Melissa Bassi di Via dell’Archeologia, costituita dal giardino centrale della scuola e dal giardino della scuola dell’infanzia ad esso contiguo. In particolare verranno realizzate cinque “aule all’aperto”, impostate su una superficie di circa 90 mq, identificate con 5 differenti temi che ne connoteranno la conformazione e l’utilizzo: musica, arte, scrittura, lettura e natura.
  3. Il Lavoro
    Nell’ambito del progetto sarà realizzata una ricerca sui mestieri e le competenze maggiormente spendibili sul territorio, alla quale dare seguito per costruire percorsi professionali aperti al quartiere. Inoltre, prima e durante l’attività di riqualificazione della Piazza saranno creati gruppi di lavoro, coordinati dai professionisti del Dicea, che cureranno l’avvio di piccoli interventi in autocostruzione e la manutenzione ordinaria degli spazi comuni e che possano avere seguito anche al termine delle attività di CRESCO.

Perché un “cantiere di rigenerazione educativa” a Tor Bella Monaca

Ci voleva una pandemia per comprendere l’importanza strategica della scuola nella nostra vita e nei nostri quartieri, e per aprire gli occhi sulla funzione educativa dello spazio pubblico, exit strategy per l’apprendimento all’aria aperta quando le scuole chiudono i battenti. Non dappertutto però: in alcuni territori questa consapevolezza era già ben radicata da anni. Ad esempio in quei quartieri marginali(zzati) nei quali l’espressione «diritto alla città» suona a vuoto, le piazze sono da tempo zona rossa per i bambini, e la scuola rappresenta l’ultimo avamposto dello stato, una trincea di cultura, socialità, civismo, estremo baluardo (spesso malconcio) dei valori costituzionali.

A Tor Bella Monaca, il più esteso quartiere di edilizia pubblica della Capitale, dove nel dicembre 2019, pochi mesi prima della detonazione del Covid, ha preso il largo CRESCO, progetto nato dall’incontro della neonata Fondazione Paolo Bulgari con alcuni attori impegnati sul territorio: il Laboratorio di studi urbani (LABSU) del DICEA dell’Università la Sapienza, forte della ricerca-azione avviata anni fa da Carlo Cellamare e Francesco Montillo (narrata nello splendido volume a più voci «Periferie: abitare a Tor Bella Monaca», Donzelli 2020); l’associazione culturale Cubo Libro, attiva da un decennio a largo Mengaroni per favorire l’accesso alla lettura dei più piccoli; due grandi scuole del quartiere, gli istituti comprensivi Melissa Bassi e Acquaroni. Nella sua prima fase l’intervento si è dato una prospettiva temporale triennale con il duplice obiettivo di sostenere la comunità educante e di contribuire alla riqualificazione di alcuni spazi comuni: la spianata di Largo Mengaroni, priva di cura e pensiero da vent’anni, e alcuni ambienti degli istituti del quartiere. Il tutto in collaborazione con il VI municipio, e attraverso il pieno coinvolgimento della cittadinanza in percorsi di progettazione, autocostruzione, manutenzione degli spazi, micro attivazione lavorativa.

L’acronimo CRESCO è un programma di lavoro: Cantiere di Rigenerazione Educativa, Scuola, Cultura, Lavoro. Per ‘cantiere’ si intende un percorso aperto alla co-progettazione, alla sperimentazione, alla scoperta. Un processo, più che un piano predefinito, nel quale tutti abbiamo qualcosa da imparare. «Cantiere», non a caso, proviene dal greco kantḗlios, ‘asino’, parola che evoca la santissima trinità – «santa asinità, santa ignoranza, santa stoltezza» – magnificata quasi cinquecento anni fa da Giordano Bruno: «Voglio che comprendiate e sappiate … che la somma cognizione è certa stima che non si può saper nulla e non si sa nulla, e per consequenza di conoscersi di non posser esser altro che asino e non esser altro che asino». Con l’espressione «rigenerazione educativa», oltre a voler esplicitare il ruolo centrale assolto dalla scuola nel progetto, si è voluto mettere in relazione la promessa di ‘rinascita’ iscritta nel primo vocabolo (da genus, gignĕre, «nascere») con l’attenzione all’ascolto presupposta dal pedagogico ex-ducere, «condurre fuori». Nella consapevolezza che non si ha la pretesa di ‘insegnare’ a nessuno (insignare, imprimere il sigillo), ma piuttosto di cercare di ‘imparare’ insieme (in-parare, acquistare) strada facendo, coinvolgendo gli abitanti, gli insegnanti, gli educatori, gli urbanisti, nella ricerca delle soluzioni migliori. È così è stato. La richiesta di intervenire per riqualificare il giardino della Melissa Bassi è giunta direttamente dalla dirigente e da alcuni docenti dell’istituto che, ben prima del lockdown, vedevano negli ampi spazi all’aperto dell’istituto il primo e principale spazio di miglioramento dell’offerta formativa, nella direzione di una didattica più laboratoriale e inclusiva, fondamentale nel contesto sociale complesso di Via dell’Archeologia. Allo stesso modo molte delle indicazioni che hanno orientato la stesura del nuovo piano di assetto di Largo Mengaroni, sono emerse all’interno dei laboratori di consultazione e progettazione partecipata avviati (con tutte le precauzioni del caso) nella piazza tra fine giugno e luglio 2020, in uno dei rari momenti di tregua concessi la scorsa estate dall’indebolimento della carica virale.

Un cantiere avviato su queste basi richiede tempo e pazienza. Bisogna stringere i contatti, costruire la fiducia, progettare insieme. Bisogna, nel frattempo, districarsi nei meandri della burocrazia, dipanare la tela delle competenze, delle leggi, dei cavilli, e incamminarsi con coraggio, trattenendo il respiro, nel labirinto delle vie autorizzative. La «procedura» è un miraggio, un mistero, una saponetta: quando credi di averla in pugno, è già sgusciata via. In particolare se sei un ente filantropico privato che coltiva la strana ambizione di intervenire con fondi propri per riqualificare il giardino di una scuola pubblica in disarmo, secondo un progetto esplicitamente richiesto dal consiglio di istituto, considerato da tutti di rilevante interesse generale, sostenuto dai rappresentanti istituzionali, costruito alla luce del giorno insieme all’Università e alle autorità competenti con l’unico obiettivo di valorizzare un bene comune, senza alcun possibile scopo di lucro o di ritorno particolaristico. In questo caso la procedura pare debba essere forgiata ex novo perché, a quanto si dice (stiamo verificando), non vi sarebbero precedenti comparabili. Ovvero: mai a Roma, Capitale d’Italia, si sarebbe registrata fino ad oggi una significativa partnership pubblico-privato con il proposito di sostenere e rilanciare una scuola statale. Figuriamoci poi una scuola a Tor Bella Monaca, in via dell’Archeologia, quello che i tedeschi chiamano schlechte Adresse, «cattivo indirizzo». Una scuola di frontiera che fino al 2019, per ben otto anni, è stata abbandonata senza dirigente, e se l’è dovuta cavare con un reggente che ha fatto ciò che ha potuto per mantenere la barra a dritta tra mille altri impegni, con pochi docenti stabili e risorse economiche standard, le stesse sulle quali può fare affidamento un qualsiasi istituto che affaccia sul Colosseo e su via delle Milizie. (Perché il nostro Paese, fino ad oggi, non è stato capace di varare politiche di discriminazione positiva per venire in soccorso alle scuole che operano nei territori sensibili, siano essi le grandi periferie urbane o le aree interne. Con il paradosso, segnalato più volte dall’OCSE, che le scuole più a rischio finiscono per ricevere meno risorse).

Oltre ai lenti e faticosi avanzamenti della procedura amministrativa, che ci auguriamo si possa concludere positivamente entro l’estate, la prima annualità di CRESCO ha portato in dote il progetto esecutivo del giardino centrale della Melissa Bassi, con la prevista realizzazione di 5 aule all’aperto e a tema (arte, lettura, natura, musica e scrittura), nonché il progetto preliminare della piazza e il nuovo piano di assetto. Coordinato da Carlo Cellamare e Francesco Montillo per il DICEA, e disegnato da un equipe di giovani professionisti formata dall’ingegnere Marco Gissara e dall’architetta Maria Vallo (coadiuvati da Pierluigi Palese e Cecilia Zamponi), il progetto per Largo Mengaroni si propone di «fornire spazi adeguati a ‘densificare’ gli usi della piazza, agevolando l’incontro tra diversi gruppi sociali, riconoscendo in tale dinamica (e non nella separazione) la vera anima dello spazio pubblico». L’obiettivo è quello di trasformare quella che oggi appare a tutti gli effetti come una desolata ‘spianata’ in una vera e propria piazza, articolata in una sequenza di spazi attrezzati per accogliere i bambini, i giovani, e gli anziani, sostituendo parte della pavimentazione, riqualificando e ampliando le aree verdi, realizzando e potenziando i luoghi dello stare (ombreggiamento, sedute e altri arredi urbani), ripensando l’illuminazione presente per renderne possibile l’utilizzo anche negli orari notturni. Una particolare attenzione è stata posta per garantire il gioco in sicurezza dei bambini, intervenendo anche sulla viabilità perimetrale e sul suo rapporto con l’area pedonale, per favorire l’intrattenimento di giovani, attraverso la realizzazione di uno skate-park e di un campo da street basket a un solo canestro.

Gli interventi di riqualificazione degli spazi fisici proposti da CRESCO, nella piazza e nella scuola, hanno una chiara funzione pedagogica perché – come ci ricordano Malaguzzi, inventore di Reggio Children, e altri venerati maestri – lo spazio è a tutti gli effetti il «terzo educatore», perché la qualità dell’ambiente in cui siamo immersi esercita un ruolo strategico nei processi di apprendimento, crescita, costruzione di cittadinanza. Allo stesso tempo, il coinvolgimento delle associazioni e degli abitanti del quartiere nel processo di riconquista dei luoghi dal degrado, fa sì che lo spazio pubblico possa tornare ad essere terreno di incontro, socializzazione e di espressione della comunità. Un obiettivo che CRESCO perseguirà lavorando anche sul piano della comunicazione, utilizzando strumenti e canali (attualmente la pagina Facebook) per raccontare dall’interno la ricchezza della comunità educante di Tor Bella Monaca e contribuire alla rigenerazione dell’immagine stigmatizzante del quartiere. Un’immagine a senso unico, associata esclusivamente alla cronaca nera, che finisce per marchiare a fuoco i più giovani con etichette che si appiccicano addosso, alimentando insicurezze, rivendicazioni identitarie, e ulteriori chiusure di orizzonti. Orizzonti che CRESCO vuole provare a riaprire.

di Giulio Cederna – Direttore programma Italia Fondazione Paolo Bulgari

L’impatto auspicato

CRESCO intende attivare, valorizzare e rafforzare la comunità educante del quartiere di Tor Bella Monaca mettendo a frutto la ricchezza rappresentata dai diversi attori territoriali attraverso un impegno culturale, sociale ed educativo fortemente improntato all’utilizzo positivo dei luoghi e alla loro cura.

Segui CRESCO anche sui Social

Progetto di riqualificazione di Largo Mengaroni – sfoglia la relazione generale

IC Melissa Bassi – progetto di riqualificazione del giardino : sfoglia le tavole

Scopri le scuole del VI Municipio
guarda e compila la cartolina digitale

Quartiere di Roma situato nell’area del VI Municipio, nella zona Sud Est della Capitale, Tor Bella Monaca nasce alla fine degli anni Ottanta, in soli due anni, nell’ambito di un grande piano nazionale di urbanizzazione per la costruzione di alloggi nelle aree ad elevata tensione abitativa. Dei mille miliardi stanziati a livello Paese, Roma ne ottenne 175, destinati in gran parte al finanziamento del piano di Zona di Tor Bella Monaca che prevede la realizzazione di alloggi di edilizia popolare per un insediamento di circa 30.000 abitanti, edifici scolastici, servizi commerciali essenziali. In realtà, a fronte di un tanto rapido sviluppo edilizio, scarsa attenzione viene posta a fornire solide fondamenta per lo sviluppo sociale della zona: pochi sono gli spazi comuni di aggregazione pensati e realizzati per il quartiere, e la manutenzione è largamente insufficiente a garantirne dignità e piena fruibilità da parte della popolazione. La piazza principale del quartiere, Largo Mengaroni, è in stato di abbandono e di dissesto strutturale, condizione che si estende a molti degli edifici che affacciano sulla piazza stessa. Cattiva gestione, mancata realizzazione dei servizi, pressoché totale assenza di manutenzione del quartiere, vanno peraltro a gravare su un quadro sociale particolarmente fragile. La popolazione è molto giovane, con la più elevata incidenza – tra tutti i quartieri di Roma – della fascia di età 0-14 ed il minor numero di over 65. Molte sono le famiglie in condizioni di disagio economico e sociale, la cui forte presenza nella zona è stata determinata tra l’altro anche dai criteri di attribuzione delle case popolari – oltre 5000 a Tor Bella Monaca – assegnate per la maggior parte a nuclei familiari in condizioni di sfratto esecutivo, spesso composte da uno o più componenti disabili. Il reddito procapite è il più basso della Capitale, mentre sono assai elevati il tasso di disoccupazione e quello di abbandono scolastico: solo una persona due termina gli studi ed ha un livello di istruzione considerato basilare. Il tasso di laurea poi è inferiore al 4%, contro il 20% della media romana.

Confronto Tor Bella Monaca – Roma (media) per 3 indicatori

Laureati

Tor Bella Monaca 3.6%
Roma 20.2%

Occupati

Tor Bella Monaca 37.1%
Roma 47.9%

Disoccupati

Tor Bella Monaca 21.3%
Roma 9.5%

La situazione è aggravata dal fatto che il quartiere rappresenti nella Capitale una delle principali piazze di spaccio, attività che, nel contesto di disagio appena delineato, trova facile accesso ad una manovalanza giovane. I tassi di disoccupazione giovanile sono molto significativi così come quelli del lavoro nero, il reddito pro-capite è invece molto basso: secondo l’ISU – Indice di Sviluppo Umano che mette in rapporto il reddito pro-capite con il livello di scolarizzazione e l’aspettativa di vita, il municipio VI risulta essere all’ultimo posto in tutta Roma.

A fronte di tale complessa situazione, si rileva a Tor Bella Monaca l’esistenza di realtà positive e propositive operanti nell’ambito della promozione dell’Educazione in senso ampio, che grazie alla volontà, capacità, competenza e abnegazione di chi vi opera, e nonostante la scarsità di risorse disponibili, si distinguono per l’impegno profuso nel proporre alternative culturalmente valide ed al contempo allettanti. Tra queste segnaliamo il Liceo Scientifico Amaldi di via Domenico Parasacchi, che rappresenta un’eccellenza scolastica della Capitale; l’Istituto Comprensivo Acquaroni che da anni si propone come soggetto attivo di sviluppo culturale e sociale attraverso lo svolgimento di attività e progettualità che vanno ben oltre i confini fisici e orari della scuola; la realtà di Cubo Libro – nata nel 2008 dall’occupazione, ad opera di abitanti del quartiere, di una piccola struttura abbandonata sita sulla piazza principale – che da iniziale deposito di libri è divenuta Associazione Culturale, punto di riferimento per le famiglie di Tor Bella Monaca; il Centro Sociale “El Che” che propone incontri e attività di cultura, sport e tempo libero; il Teatro Tor Bella Monaca, con un cartellone denso ed interessante, oltre a tante altre iniziative ed attività che testimoniano l’impegno e le energie esistenti.

Queste realtà dimostrano come il racconto mediatico di una Tor Bella Monaca esclusivamente delinquenziale, che assurge agli onori delle cronache solo per gli episodi legati alla droga e alla criminalità, sia fuorviato e fuorviante, e come sia quindi urgente uscire da una narrazione stereotipata e ghettizzante per riscrivere e rinarrare un quartiere (anche) diverso.

Focalizzandosi sugli aspetti legati a scuola-cultura-occupazione, il programma CRESCO punterà a valorizzare e rilanciare la Comunità Educante di Tor Bella Monaca nel suo insieme, a rinsaldare i legami sociali nella collettività, favorendo tra l’altro la riqualificazione e la riappropriazione di alcuni spazi vitali da parte di tutto il quartiere.